fitoterapia, floriterapia, cosmesi fresca

Curcuma

Curcuma-longaE’ una delle grandi spezie indiane e nord-africane: gli occidentali la conoscono soprattutto come componente del curry.

Nota come zafferano indiano, in realtà della curcuma si utilizza il rizoma il cui gusto saporito è molto diverso da quello dei delicati stimmi del fiore dello zafferano, usata in polvere colora e insaporisce molteplici tipi di piatti speziati e dolci.

La Curcuma è ricca di polifenoli che favoriscono la produzione di bile ed il suo deflusso intestinale; contribuisce ad eliminare gli eccessi di colesterolo e facilitare la digestione. Ha proprietà carminative ed antispastiche ed è utile nel trattamento della dispepsia, del meteorismo e della flatulenza

Di recente, ne viene consigliato l’utilizzo come potente antiossidante.

Curry

curry-polverePensando al curry inevitabilmente si pensa all’India, dove ne esistono tante varietà, che rispecchiano le tradizioni e le preferenze regionali.

Ritroviamo l’arte di miscelare le spezie in Francia, nell’Africa settentrionale fino al Giappone: sono miscele di spezie pregiate in diverse proporzioni: curcuma (caratterizzante per il colore giallo oro), zenzero, cardamomo, coriandolo, pepe nero, cumino, noce moscata, fieno greco, chiodi di garofano, cannella, zafferano e peperoncino.

Il nome originario è masala, cioè miscela, mentre CURRY è di origine inglese.

Il curry stimola la digestione, evita la fermentazione intestinale e aumenta l’appetibilità dei cibi.
Sono note le sue proprieta’ antinfiammatorie e fortemente antiossidanti.