fitoterapia, floriterapia, cosmesi fresca

Castagna

castagneRegina dell’autunno, la castagna è tra i frutti di maggior valore calorico (soprattutto quelle secche) con una notevole concentrazione di sali minerali e vitamine A, B e C. Sconsigliate per i diabetici, le castagne costiuiscono un gustoso piatto unico.

Indicate in caso di avitaminosi, anemia e debilitazione. Utili il decotto o l’infuso in caso di bronchiti e diarrea.

Grazie alla loro azione antisettica i gargarismi con l’infuso di foglie sono un ottimo rimedio contro infiammazioni di gola e bocca.

L’acqua di bollitura delle castagne costituisce un ottimo fertilizzante per le piante.

Castagno

castagno-fogliaPer ridare colore e rinforzare i capelli scuri e castani, usiamo le foglie di castagno.

Per uso interno, l’infuso di foglie di castagno è coadiuvante per bronchiti e tossi.

Castagne
Grazie al loro elevato valore nutritivo, sono indicate nei casi di avitaminosi, anemia e debilitazione. L’infuso ed il decotto, ricchi di tannini, sono utili in caso di bronchiti e diarrea.

L’acqua di bollitura delle castagne costituisce un ottimo fertilizzante per le piante.

Rosa canina

rosa-caninaIn estate, i cespugli di rosa canina ci donano meravigliosi fiori rosa per un infuso prezioso come tonico naturale per il viso; in autunno, si trasformano in frutti ricchissimi di vitamina C per bevande alternative al tè, marmellate (privati dei semi), grappe, che ci prepara a superare i primi freddi dell’inverno.

Per la presenza di tannini, la rosa canina rappresenta un buon rimedio naturale contro la diarrea; inoltre, è consigliata in caso di debilitazione ed infiammazioni.
Tisane, decotti e infusi di foglie, fiori o radici di rosa canina sono utili in caso di raffreddore ed infezioni.
La rosa canina è un buon diuretico: si rivela utile anche in caso di mestruazioni abbondanti, catarri intestinali, iperidrosi e congiuntiviti.
I semi di rosa canina sono impiegati per la realizzazione di antiparassitari.

Luppolo

LuppoloPer i cultori della birra fatta in casa, a tarda estate è il momento di raccogliere i fiori del luppolo che, con il curioso aspetto di lampioncini verdi, adornano spesso siepi e reti divisorie.

Il luppolo è usato nella floriterapia soprattutto come sedativo, potrebbe avere interazioni con psicofarmaci e con alcool per il suo effetto sedativo.

Contiene inoltre 8-prenilnaringenina, il fitoestrogeno più potente conosciuto, la cui concentrazione in humulus lupus è così scarsa da non poter avere effetti biologici indagabili con le attuali tecniche di laboratorio.

Topinambur

TopinamburBen riconoscibile dal fiore giallo tipo “margherita”, la pianta del topinambur cresce sulle sponde dei fiumi e a margine dei campi coltivati.

La pianta nasconde nel terreno il suo tubero che ha caratteristiche simili a quelle della patata; non presenta però controindicazioni per l’alimentazione dei diabetici perché ricco di inulina.

Il tubero ha proprietà galattogene, stimola la secrezione di latte nelle donne. L’estratto di topinambur è utilissimo in caso di sovrappeso, in quanto  facilita la digestione e favorisce sensazione di sazietà, contiene gli attacchi di fame.

Il topinambur non forma glutine, di conseguenza è adatto alle diete per celiaci.